Gravidanza

Quali sono le più comuni complicazioni postpartum?

L'esperienza della gravidanza è unica per ogni donna, che è schiacciante per ogni madre e serve come punto di riferimento nella vita. Dare alla luce un bambino segna l'inizio della tua vita materna. La genitorialità inizia nel momento in cui il bambino viene al mondo e così fa il periodo post-partum. Questo periodo è segnato da molti aggiustamenti o cambiamenti che devi fare nel rapporto con il bambino, ma anche dai cambiamenti che il tuo corpo ha attraversato durante un lungo 9 mese di gravidanza.

Quali sono le più comuni complicazioni postpartum?

1. Dolore perineale

Il perineo è la regione tra la vagina e il retto che subisce il maggior stiramento e lividi durante il parto. Se è stata eseguita un'episiotomia, il taglio potrebbe addirittura fare più male, soprattutto in posizione seduta.

Come trattare questo problema: Consultate prima il vostro medico, se pensa che lividi e dolore siano normali e si abbassino presto, potete smettere di preoccuparvi. Tuttavia, il dolore mentre si sta seduti può ancora essere un problema. Per aiutarti a sederti in una posizione comoda, usa un cuscino a ciambella e siediti sempre su un morbido cuscino. Inoltre, cerca alcuni esercizi di rafforzamento per aiutarti ad affrontare il dolore.

2. Emorroidi e costipazione

Mentre procede la gravidanza, viene esercitata una pressione maggiore sull'utero e sugli organi negli arti inferiori. Questo spesso porta a costipazione, in alcuni casi gravi, emorroidi, che è la secrezione di sangue insieme a defecazione dolorosa, che sono entrambe complicazioni postpartum comuni. È probabile che la condizione persista anche dopo il parto, tuttavia nella maggior parte dei casi si risolve spontaneamente entro poche settimane.

Come trattare questo problema: Questa condizione può essere trattata facilmente con OTC (farmaci da banco). Può essere usato anche un trattamento naturale, ma l'automedicazione deve essere evitata. Poiché le madri con sezioni a C o punti nella regione addominale possono avere lacrime o emorragie interne, in questi casi si dovrebbero usare lassativi o supposte per alleviare il dolore e la stitichezza.

3. Mastite

Come una delle complicazioni postpartum comuni, la mastite è una condizione di infezione del seno che può verificarsi quando i batteri entrano nel seno attraverso la pelle abrasa, la bocca del bambino o condizioni non igieniche come indumenti sporchi, ecc. I batteri possono insinuarsi attraverso il seno apertura della pelle, del latte o del capezzolo. La maggior parte dei casi di mastite rivelano che l'infezione non è contagiosa. Quindi puoi continuare ad allattare il tuo bambino.

Come affrontare questo problema: Segni e sintomi comuni includono i seni gonfi che solitamente si sentono dolorosi al contatto. Si prevede anche la febbre e il rossore. Il trattamento include un semplice corso di antibiotici per curare l'infezione insieme a farmaci per ridurre la febbre.

Il seguente il video spiega come trattare le mastiti in modo naturale:

4. Infezione da utero

Le infezioni da utero possono verificarsi se frammenti di placenta rimangono nell'utero invece di separarsi come dovrebbe normalmente.

Come affrontare questo problema: Le infezioni uterine sono indicate da sintomi simil-influenzali, febbre leggera, aumento della frequenza cardiaca, aumento del numero di globuli bianchi nel siero, gonfiore dell'utero, addome inferiore tenero, ecc. Se questa infezione si diffonde alle pareti circostanti, può portare a dolore addominale grave grave , scarico uterino maleodorante e febbre alta. Gli antibiotici possono essere usati per trattare le infezioni che, se non vengono avviate tempestivamente, possono portare alla sindrome da shock tossico.

5. Depressione postpartum

Dopo aver dato alla luce un bambino, le madri rischiano di sentirsi sopraffatte dalle nuove responsabilità che le circondano costantemente, il che potrebbe portare alla depressione postpartum con costante sentimento di ansia e rabbia che continua nei prossimi mesi di nascita, rendendolo così uno dei le più comuni complicazioni postpartum. Questo è comune nelle donne che stanno vivendo la maternità per la prima volta. Anche le donne single che sono consapevoli della propria corporatura, carriera e finanze oltre all'educazione di un bambino sono anche esposte al rischio di psicosi postpartum, che tende a verificarsi se la depressione continua per più di un anno dopo il parto.

Come affrontarlo: La prima cosa importante è rendersi conto che stai avendo problemi con la maternità. Per guarire da questa condizione, la famiglia è il miglior supporto possibile. Inoltre, la consulenza e l'adesione ai gruppi di supporto sono utili. I farmaci possono essere necessari se la situazione peggiora nel tempo.

Ecco un video condivide più suggerimenti su come gestire la PPD:

6. Altre complicazioni postpartum comuni

Complicazioni e problemi

Descrizione

Infezioni postpartum

Infezioni da incisione su cesareo

In tale infezione, è evidente il rossore e il gonfiore che può essere associato a prurito e pus come la scarica.

Infezioni renali

Questa infezione può derivare dall'utero o dalle urine durante la gravidanza. Le donne potrebbero voler urinare più frequentemente. Dolore all'addome inferiore, febbre e costipazione sono di solito sperimentati. Gli antibiotici possono essere prescritti prima che l'infezione si diffonda sistematicamente.

Problemi al seno

Seno gonfio

Ciò è sperimentato perché i seni sono pieni di latte, la pressione aumenta nel seno, il bambino non viene nutrito regolarmente. Fare docce fredde e indossare reggiseni aderenti può aiutare ad alleviare il disagio.

Condotti ostruiti

Questo è il risultato di piccoli zoccoli presenti in condotti attraverso i quali il latte è passato, è accompagnato da dolore, arrossamento e gonfiore. Tuttavia non si sperimenta la febbre. L'utilizzo di pacchetti caldi aiuta ad alleviare gli zoccoli.

Scarico vaginale

Lo scarico vaginale è comune dopo il parto e dura fino a due settimane. Questo scarico consiste di sangue e pezzi di utero. Lo scarico è di colore brillante in un primo momento, poi si schiarisce gradualmente nel tempo. È probabile che un intenso esercizio fisico e altri simili sforzi fisici aumentino lo scarico, ma questo dovrebbe ridursi in circa due settimane.

La perdita di capelli

La perdita dei capelli è vissuta dopo il parto, perché l'equilibrio ormonale che si assottiglia non può mantenere i capelli. Ma la perdita si riduce in pochi mesi di parto e non c'è bisogno di preoccuparsi.

Smagliature

Quando la pressione viene applicata costantemente all'addome per mesi, la tua pelle tende ad adattarsi allungando. Tuttavia, dopo il parto, ti rimane una pelle allungata non voluta, che torna alla normalità in un anno circa. Non graffiare la pelle aiuta a riacquistare la forma precedente.

Incontinenza

Poiché la parte inferiore del corpo è stata sottoposta a pressione negli ultimi mesi della gravidanza, potrebbe verificarsi l'incontinenza di urina e feci. Continua dopo il parto e potrebbe richiedere uno stile di vita e modifiche dietetiche. Indossare assorbenti igienici e consultare il proprio medico per i farmaci può aiutare.

Disagio durante il sesso

La vagina è contusa e gonfia dopo il parto. È naturale avere immensi disagi mentre si fa sesso. In alcune condizioni, si verificherebbe sanguinamento e aumento della scarica. In alcune donne, la riduzione della libido e la secchezza possono ulteriormente aggravare il dolore e il gonfiore.

Emorragia postpartum

È una condizione in cui è probabile che una madre muoia a causa di un'eccessiva emorragia attraverso la vagina, ma poche mamme affrontano questo complicaiton. Nella terza fase della gravidanza, l'uterotonica viene somministrata a una donna per un travaglio più breve, riducendo le possibilità di emorragia. Un altro farmaco utilizzato per la gestione è l'ossitocina, che aiuta a ridurre le probabilità di emorragia del 40 per cento.

Quando dovresti consultare un medico?

  • Le donne devono consultare i loro medici se si sentono profondamente depressi e hanno pensieri negativi come il suicidio.
  • Dovreste rivolgervi a un medico se il sanguinamento vaginale è insolitamente colorato e la scarica non si è attenuata, anche dopo due settimane dal parto.
  • I medici dovrebbero anche essere consultati in caso di febbre alta e persistente con tosse e dolore nell'addome inferiore.
  • Se il tuo seno si sente doloroso al tatto e appare rosso e gonfio, potresti consultare il tuo medico per escludere eventuali infezioni e rischi per il tuo bambino.

Per quanto riguarda la depressione, dovresti considerare i cambiamenti positivi e concentrarti sull'educazione del bambino yoiur. Mantenere una buona igiene e un regolare esercizio fisico è benefico non solo per te ma anche per il bambino. Goditi l'esperienza della maternità e mantieni una mente sana e fisica per rendere la relazione gioiosa e felice per te e la tua famiglia.

Загрузка...