Gravidanza

Cos'è il preeclampsia dopo il parto? - New Kids Center

La preeclampsia postpartum è una condizione rara in cui la donna manifesta alta pressione sanguigna e urine ad alto contenuto proteico dopo il parto. Questa condizione può svilupparsi rapidamente - in circa 2 giorni dopo la nascita del bambino. A volte, potrebbero essere necessarie fino a 6 settimane. Può essere una condizione pericolosa se non presa sul serio e persino portare a complicazioni maggiori come convulsioni e coma.

Quali sono i sintomi del preeclampsia dopo il parto?

I suoi sintomi possono essere simili ai sintomi della preeclampsia, tra cui:

  • Pressione del sangue alta (di solito superiore a 140/90)
  • Alti livelli di proteine ​​nelle urine (0,3 go più in 24 ore)
  • Mal di testa gravi e ricorrenti
  • Problemi di visione (perdita della vista, visione offuscata o sensibilità alla luce)
  • Gonfiore in faccia
  • Dolore all'addome e sotto la gabbia toracica
  • Nausea, con vomito occasionale
  • Bassa urina
  • Aumento di peso (che può superare 1 kg a settimana)

Se manifesta uno di questi segni dopo il travaglio, si raccomanda di contattare immediatamente il proprio medico.

Chi è a maggior rischio di preeclampsia dopo il parto?

La condizione si verifica durante la gravidanza e non viene rilevata fino a dopo il parto. Si crede fermamente che la preeclampsia postpartum possa essere il risultato di un disturbo all'interno del rivestimento dei vasi sanguigni durante la gravidanza che è in gran parte influenzato da fattori ambientali e genetici. La causa esatta della condizione non è chiara. Tuttavia, la ricerca suggerisce che alcuni fattori possono aumentare i rischi di ottenere il problema. Devi prestare particolare attenzione se hai i seguenti tratti.

1. Disturbi immunitari

Alcuni ricercatori hanno rivelato che la preeclampsia postpartum è causata dal cambiamento di interazione tra placenta e sistema immunitario. La mancanza di tolleranza immunologica durante la gravidanza porterà ad ipertensione e ad altri sintomi della condizione.

2. Ipertensione in gravidanza

L'aumento della pressione sanguigna durante la gravidanza può indicare il verificarsi della condizione dopo il parto. Lo studio suggerisce che le donne incinte sono molto più sensibili alla preeclampsia postpartum se la pressione arteriosa aumenta ad un livello elevato a circa 20 settimane di gravidanza.

3. Sovrappeso

L'obesità può anche aumentare le possibilità di sviluppare preeclampsia dopo il parto.

4. Storia familiare

La condizione può essere sviluppata a causa di motivi genetici. Se qualcuno dei parenti più stretti della donna ha avuto in precedenza una preeclampsia postpartum, allora c'è una buona possibilità che anche la donna stessa possa sviluppare la stessa condizione.

5. Età

Anche l'età gioca un ruolo nel verificarsi di questa condizione. Le donne di età superiore ai 40 anni e di età inferiore ai 20 anni hanno una maggiore possibilità di sviluppare preeclampsia dopo il parto.

6. Gravidanza multipla

Portare più di un bambino alla volta può essere una benedizione, ma potrebbe anche essere problematico. Gli studi dimostrano che le donne che hanno due gemelli hanno avuto le loro possibilità di sviluppare questa condizione drammaticamente aumentare.

Ci sono delle complicazioni di preeclampsia dopo il parto?

L'eclampsia postpartum è spesso associata a convulsioni e altre condizioni fatali. Può causare danni permanenti alle parti vitali del corpo, come il cervello e il cuore. È anche noto per causare coma, degenerazione neuronale e danno vascolare irreversibile.

1. Edema polmonare

La condizione può essere fatale se culmina in edema polmonare. A causa dell'accumulo di liquido dalla dilatazione del vaso, i polmoni possono smettere di funzionare e quindi portare a insufficienza respiratoria se non trattati in tempo.

2. Colpo

In rari casi, può verificarsi anche un ictus causato da una fornitura di ossigeno al cervello bassa o interrotta. È necessario cercare l'emergenza medica se si verifica un'improvvisa debolezza o intorpidimento che è uno dei segni premonitori dell'ictus.

3. Grumo di sangue

Un coagulo di sangue può svilupparsi da un'altra parte del corpo che può raggiungere i vasi sanguigni e causare il blocco. Questa condizione deve essere affrontata prontamente per evitare il fallimento di un organo mediante l'uso di fluidificanti del sangue.

4. Sindrome di HELLP

Un'altra condizione pericolosa per la vita, nota come sindrome HELLP, può anche svilupparsi insieme alla preeclampsia postpartum. È una specie di disturbo del fegato che è pericoloso sia per la madre che per il bambino.

Come trattare con Preeclampsia dopo il parto

Il primo passo quando noti i sintomi è di visitare immediatamente il medico. Al fine di confermare la diagnosi della condizione, il medico potrebbe richiedere alcuni test come analisi del sangue e analisi delle urine. L'analisi del sangue controllerà se i reni e altri organi del corpo funzionano correttamente e l'analisi delle urine vedrà se l'urina contiene un livello elevato di proteine.

1. Farmaci

La preeclampsia postpartum viene generalmente trattata con farmaci per abbassare la pressione sanguigna e quelli che prevengono convulsioni come il solfato di magnesio. Il trattamento deve essere preso con cura in quanto tale farmaco può causare effetti collaterali come irritazione della pelle, nausea e vomito occasionale. È meglio consultare un medico per una prescrizione di farmaci adeguata. Se stai allattando al seno, informa il medico in modo che lui / lei possa prescrivere di conseguenza.

2. Ricovero

Potrebbe essere necessario rimanere in ospedale per un periodo più lungo dopo che ti è stata diagnosticata una preeclampsia postpartum a causa del disagio fisico e mentale che potresti incontrare. Discutere anche con il proprio medico su come eseguire in sicurezza il ruolo di una nuova madre con la condizione.

Загрузка...